Chiesa di San Sigismondo


La chiesa
La chiesa, affidata ai monaci Gerolomini verso la metà del XV secolo e ricostruita a partire dal 20 giugno 1463 con la posa della prima pietra, tuttora visibile alla prima cappella di destra entrando, venne progettata per volontà di Bianca Maria Visconti a ricordo del matrimonio con Francesco Sforza avvenuto nel 1441 nella primitiva chiesetta già dedicata dai frati Vallombrosani a S. Sigismondo. I lavori di edificazione della chiesa furono terminati nel 1492.

www.360visio.com/wp-content/uploads/panoramas/CL2013/CR/chiese/sigismondo/navatap/output/index.html

foto1-sansigismondo

La chiesa, a navata unica di tipo albertiano con cappelle laterali, venne affrescata a partire dal 1535 e rappresenta uno dei più significativi complessi decorativi del Manierismo Cinquecentesco dell’Italia settentrionale, stilisticamente armonico e unitario nonostante l’intervento di diversi pittori (Camillo Boccaccino, Giulio Campi, Bernardino Campi, Bernardino Gatti, Antonio Campi e altri). Oltre il percorso pittorico di abside, coro, transetti e navata sono notevoli diverse pale d’altare e decorazioni pittoriche delle dodici cappelle laterali.

www.360visio.com/wp-content/uploads/panoramas/CL2013/CR/chiese/sigismondo/capp2/output/index.html

foto2-sansigismondo

www.360visio.com/wp-content/uploads/panoramas/CL2013/CR/chiese/sigismondo/capp1/output/index.html

foto3-sansigismondo

Pregevoli sono anche gli stucchi cinquecenteschi delle cappelle, le cancellate in ferro battuto, le cancellate in ferro battuto e ottone, il coro ligneo, la cantoria (secc. XVI – XVII), gli intarsi marmorei settecenteschi dell’altar maggiore. L’organo è stato costruito da Luigi Vincenzo Acerbis nel 1861 con riutilizzo delle canne del precedente strumento edificato da Giovanni Francesco Maineri nel 1567. È collocato in una cassa lignea cinquecentesca sopra il lato sinistro del coro guardando l’altare. Non meno pregevole la decorazione pittorica del Sei e del Settecento, avviata da Camillo Gavassetti nel 1625 e portata avanti da Giovan Battista Natali, Robert de Longe, Angelo Massarotti, Marcantonio Ghislina e Giuseppe Natali.

www.360visio.com/wp-content/uploads/panoramas/HOST/CR/sSigismondoRefettCena/output/index.html

foto4-sansigismondo.png

Adiacente alla chiesa è il chiostro dell’antico convento, terminato nel 1505: la porta che lo collega alla chiesa fu realizzata nel 1536 dalla famiglia cremonese dei Sacca. Interamente in rovere è decorata con i simboli araldici delle famiglie Visconti e Sforza. Sul lato opposto vi è la porta di accesso all’antico refettorio dei monaci, al cui interno è visibile un’Ultima Cena dipinta nel 1508 da Tommaso Aleni, che per la prima volta in Lombardia ripropone la nuova iconografia che Leonardo aveva realizzato per il Cenacolo di Santa Maria delle Grazie a Milano.

www.360visio.com/wp-content/uploads/panoramas/HOST/CR/sSigismondoChiostroC/output/index.html

foto5-sansigismondo.png

Soppressi i Girolamini nel 1798 la chiesa, già diventata parrocchiale dal 1774, rimase tale fino all’insediamento delle Monache domenicane di clausura del Monastero di S. Giuseppe l’ 8 dicembre 2007 e provenienti da Fontanellato (PR).  Chiesa e complesso sono tornati così alla loro destinazione originaria di monastero.

Monache domenicane
Domenico († 1221), fondatore dell’Ordine dei Predicatori, «associò le monache alla evangelizzazione con la preghiera e con la testimonianza di una vita di vicendevole carità. Esse, fatte voce della Chiesa, elevano ogni giorno la lode a Dio attraverso la preghiera liturgica, affinché la Parola con cui il Signore ci rivela il suo amore non torni a lui senza effetto, ma porti frutti di bene in coloro ai quali è stata rivolta».

La chiesa è aperta
Ogni giorno dalle ore 6.45 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.30.

Il chiostro
Il chiostro e il coro monastico si possono visitare il 1 maggio (solennità di S. Sigismondo) e la terza domenica di settembre (anniversario della dedicazione della chiesa), dalle 9.00 alle 10.30 e dalle 14.00 alle 17.30.

Le celebrazioni
La Comunità delle Monache Domenicane del Monastero san Giuseppe celebra in san Sigismondo l’Eucaristia e la Liturgia delle Ore a cui possono partecipare anche i fedeli.

Celebrazioni festive
ore 18.00     Primi Vespri  (sabati e vigilie)
ore 11.00     S. Messa
ore 17.00     Secondi Vespri

Celebrazioni feriali
ore   7.00     S. Messa
ore 18.00    Vespri

Giovedì da marzo a ottobre
ore   7.00    S. Messa e Adorazione Eucaristica in chiesa
ore 18.00    Vespri

Da novembre a marzo nei giorni feriali si celebra nel coro invernale, con ingresso dietro l’altare maggiore, oltre la cancellata del coro.

Prenotare la visita
Per non disturbare la celebrazione della lode del Signore, i gruppi di turisti che desiderano visitare la Chiesa di S. Sigismondo sono pregati di segnalare il giorno della visita telefonando al n. 0372 801700.

Come arrivare
La chiesa e il Monastero sono situati nei pressi dell’Ospedale Maggiore di Cremona e sono facilmente raggiungibili: in auto, seguire le indicazioni stradali per l’Ospedale (uscire dalla città in direzione Parma); con i mezzi pubblici, prendere le linee in direzione Ospedale e Bagnara / Bonemerse.

Monastero di S. Giuseppe in S. Sigismondo
Largo Bianca Maria Visconti, 3
26100 CREMONA
Tel. e Fax 0372 801700
per ulteriori informazioni
www.diocesidicremona.it/monasterodomenicano/profilo-monastero/

Share Button
Fornitore Ufficiale
In collaborazione con
Partner
Gemellaggi